One Piece aiuta l’insegnamento in Giappone

Da esempio di violenza gratuita a promotore di uguaglianza sociale: come cambia la visione di un anime!

Quante volte, magari guardando un anime o leggendo un manga, abbiamo dovuto sorbirci le lamentele di qualcuno che prontamente criticava “l’eccessiva presenza di violenza” all’interno dello stesso?

 

one piece in giappone chopper a scuola

 

Un professore di una scuola superiore di Osaka ha pensato di utilizzare l’anime tratto da “ONE PIECE” per avvicinare i suoi giovani studenti alla conoscenza e allo studio dei diritti civili.

Attraverso l’esempio della mezza renna Chopper, il quarantaseienne Akitoshi Maekawa intende dimostrare che coloro che sono stati “ostracizzati” dalla società per via del loro aspetto fisico possono continuare a sorridere grazie all’aiuto dei propri amici.
Maekawa ha introdotto a scuola One Piece per la prima volta nel dicembre del 2010, proponendo l’anime alla sua classe di “Diritti Civili Globali” del liceo Kunijima di Osaka, mentre le ultime classi del secondo e terzo anno hanno cominciato nel gennaio di quest’anno. La prima cosa che ha mostrato alla sua classe è stato il legame fra il medico ciarlatano Hiruruk e Chopper.

Nel manga di Eiichiro Oda, Chopper nasce col naso blu, motivo per il quale è deriso e allontanato dalle altre renne del branco. Diventato mezzo umano in seguito all’assunzione del misterioso frutto Hito Hito la sua condizione rimane tale a quella precedente: gli umani continuano a trattarlo come “il diverso” e provano addirittura ad eliminarlo. Ma Hiruruk arriva in suo aiuto, e i due stringono un forte legame.

 

 

Maekawa afferma poi

Chopper è rimasto isolato dal mondo per lungo tempo, ma è stato comunque capace di diventare amico di Hiruruk, e ha così cominciato ad accettare la sua natura.

I suoi studenti , impegnati nello studio dell’Apartheid Sudafricano e dei movimenti Americani per i diritti civili, sono inizialmente rimasti sorpresi quando hanno realizzato l’apparentemente atipica connessione con la situazione di Chopper. Dopo aver introdotto il tema dei diritti civili con la storia di Chopper, Maekawa ha chiesto ai suoi studenti di individuare quali gruppi etnici la mezza renna potesse effettivamente rappresentare nella società contemporanea. I ragazzi hanno evidenziato la sua somiglianza con le persone di colore che devono affrontare le discriminazioni raziali, con i senzatetto, i disabili e, infine, con le vittime di bullismo.

Un ottimo esempio di come, tralasciando la superficiale presenza di violenza, i nostri amati manga ed anime possano insegnarci davvero qualcosa di importante! Tu cosa ne pensi?

  • jacopo

    ragazzi ma siete dei grandi! bellissimo articolo Filira Chan!

    • Filira Chan

      grazie ^^

  • Giuliano

    Come idea di scegliere come esempio la storia di Chopper mi sembra semplicemente geniale.

  • Goten

    Mitico!!! Anche Naruto dà tanti insegnamenti importanti e io ne so qualcosa.

  • Devix

    Uao che forza! Bella roba davvero.

  • Zeratul

    Anche naruto avrebbe molto da insegnare! E’ un manga fantastico proprio per questo motivo 😉

  • minato

    in italia queste cose purtroppo ce le possiamo solo sognare!

  • kakeshi

    Secondo me andava bene anche la storia di naruto

  • Marco

    E vogliamo parlare degli uomini-pesce?:D
    Semplicemente geniale! Ecco perché amo il giappone!
    Complimenti per l’articolo :’D

  • willas-Hurricane

    Brava Filira chan bel articolo, concordo con Minato questo approccio moderno e liberta` della didattica nelle nostre scuole non penso si arrivera` mai…ancorati a studiare greco (classico),aggiustaggio (tecnico)e altre materie astruse..cosa c`e` di piu` importante di capire l`attuale situazione mondiale e le problematiche? alla fine su questa palla nello spazio ci siamo in 6 miliardi e rotti e siamo tutti nella stessa barca che ci piaccia o no!

  • Sandro cères

    E questo è solo un esempio di come, nei manga, ci si possa trovare qualcosa di più che solo botte e poteri stravaganti.
    Brava Filira

  • Giuliano

    Straquoto Willas e Sandro.

  • Graziano

    mmm ma le scrittrici di narutoplanet sono tutte così belle?

  • eugi

    davvero una bella trovata ha avuto questo professore sarebbe stato bello che avesse usato anche naruto come esempio